Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
post
page

Artrosi: nuove tipologie di cura

Zenit-artrosi

L’artrosi è una malattia cronica caratterizzata da lesioni degenerative della cartilagine articolare.

La cartilagine è un tipo di tessuto connettivo specializzato nel sostegno che riveste la parte articolare delle ossa e ha diverse funzioni nel corpo umano:

  • riduce l’attrito;
  • funge da “cuscinetto” tra le articolazioni;
  • aiuta a sostenere il nostro peso quando corriamo, ci pieghiamo, ci allunghiamo;
  • crea sostegno e collega le ossa, ad esempio quella tra coste e sterno nella cassa toracica.

Alcune parti del corpo sono fatte quasi interamente di cartilagine, ad esempio le parti esterne delle nostre orecchie.

Nei bambini, le estremità delle ossa lunghe sono fatte di cartilagine (cartilagine di accrescimento), che alla fine della pubertà si trasforma in osso.

A differenza di altri tipi di tessuto, la cartilagine non ha apporto ematico. Per questo motivo se danneggiata impiega molto più tempo per guarire, rispetto ad altri tessuti irrorati dal sangue. Spesso, se il danno subito è molto grave oppure se la degenerazione cartilaginea è in una fase già troppo avanzata, questo processo di guarigione non avviene.

Fino a poco tempo fa non esistevano molte soluzioni a questa problematica. Le problematiche artrosiche venivano gestite attraverso il controllo della sintomatologia dolorosa con terapie farmacologiche antinfiammatorie per via orale o infiltrative e/o con terapie fisiche a scopo antalgico.

Dal punto di vista fisioterapico studi stanno dimostrando che un approccio con cicli di laser ad alta potenza a determinati dosaggi e con tempistiche ben precise permette di creare una biostimolazione del tessuto cartilagineo che è in grado di rigenerarsi grazie all’attività iperstimolata dei condrociti residui.

Resta fondamentale, oggi come sempre, l’esercizio terapeutico.

La nutrizione del tessuto infatti si basa su un tipo speciale di processo chiamato “imbibizione”. La cartilagine articolare è come una “spugna” e affinché l’acqua, il liquido sinoviale e i nutrienti si muovano all’interno e all’esterno, la spugna deve essere schiacciata (caricata) e scaricata in modo che possa verificarsi l’assorbimento: e ciò è garantito solo dall’esercizio terapeutico e fisico.

La combinazione di biostimolazione laser ed esercizio terapeutico ci permette quindi di curare e rallentare notevolmente la patologia degenerativa cartilaginea.

Richiesta informazioni

Richiedi maggiori informazioni,
ti risponderemo a breve!

    Generic selectors
    Exact matches only
    Search in title
    Search in content
    Post Type Selectors
    post
    page

    CONTATTI →

    Generic selectors
    Exact matches only
    Search in title
    Search in content
    Post Type Selectors
    post
    page